Torna su

 

KKM   ( INDIA )




KKM‚ India

Kuru Kshetr Mandal è un’organizzazione privata e indipendente che permette ai malati di lebbra di essere accuditi e di vivere dignitosamente attraverso il loro lavoro‚ la tessitura artigianale.

La tessitura è particolarmente appropriata alle condizioni delle persone malate di lebbra. I materiali manipolati come cotone e lana sono leggeri ed evitano quindi la possibilità di crearsi lesioni; i movimenti ripetitivi della tessitura a mano‚ regolarmente ritmata‚ partecipano alla rieducazione del malato.

Tutte le fasi di fabbricazione sono manuali‚ e i malati partecipano alla lavorazione in base alle loro risorse psicofisiche e sono regolarmente remunerati.

KKM si trova a nord dell’India‚ sui bassi pendii dell’Himalaya. Riunisce quattro villaggi vicini e i malati sono in tutto 160.

KKM è stata fondata nel 1962 da Agnès Kunze‚ una giovane tedesca già impegnata nel sociale e nelle situazioni di estremo disagio.

Anche dopo la sua morte‚ KKM non ha smesso di produrre ed esportare i suoi magnifici prodotti artigianali in Europa‚ Australia e Nuova Zelanda.

Pierre Reyniers‚ francese‚ si unì alla causa di Agnès Kunze nel 1967.

Pierre‚ come Agnès‚ ha dedicato la sua vita a KKM è ed è il principale punto di riferimento.

Gli articoli prodotti da KKM sono principalmente in cotone‚ che viene cardato‚ filato e tinto con tinture non inquinanti e non cancerogene. La loro fabbricazione è interamente manuale ed artigianale‚ e la loro commercializzazione avviene attraverso i canali del commercio equo e solidale.

Nella zona dei villaggi coinvolti le pressioni esterne sono molto forti: un ponte e una strada principale saranno presto completati vicino al villaggio di Brahmpuri. Saranno quindi intensificati rumore‚ polvere‚ traffico di auto‚ moto e mezzi pesanti.

Negozi‚ alberghi e ristoranti cresceranno in modo esponenziale e aumenterà a dismisura il valore dei terreni. La terra occupata dai residenti di Brahmpuri è molto ambita.

Questo porta a chiedersi quanto tempo la comunità potrà ancora resistere e continuare a vivere in pace‚ prima che persone e territorio vengano sfruttati e messi in pericolo. Soprattutto visto che questi malati stanno già lottando per il loro diritto di esistere.

 

 

«…In India le persone affette dalla lebbra portano ancora lo stigma della malattia.»

«Grazie al lavoro possiamo andare in giro a testa alta e affermare che riusciamo ad autosostenerci nonostante le menomazioni fisiche causate dalla malattia.»

«Le vendite attraverso il canale del commercio equo e solidale rispettano i nostri tempi che a volte sono rallentati e ci permettono di garantire una vita dignitosa a tutti gli abitanti delle comunità e alle loro famiglie.»




Schede prodotti